primainformazione

CERCA

Vai ai contenuti

MERCOLEDÌ

NOTIZIE

DIVORZIO BREVE: CORSI IN AZIENDA

Lasciarsi senza rancore e in tempi rapidi grazie al divorzio breve si può imparare in azienda. Sono diverse le imprese medio-grandi della provincia di Verona che hanno istituito dei mini-corsi per i dipendenti con l'ausilio dell' Associazione italiana avvocati per la famiglia e il minore. Lo racconta il presidente veneto Alessandro Sartori che tiene le lezioni coadiuvato da uno psichiatra o da uno psicologo.



TRAVOLTA DA UN'AUTO APPENA SCESA DALLO SCUOLABUS

Drammatico incidente a Meolo dove, una bambina di cinque anni è stata travolta da un'auto mentre, appena scesa dallo scuolabus, insieme ad altri compagni, si accingeva ad attraversare la strada per raggiungere la mamma. La gravità delle lesioni riportate nell'impatto ha costretto i medici del Suem a richiedere l'inteevento dell'elisoccorso che ha trasportato la piccola all'ospedale pediatrico di Padova. Alla guida dell'auto investitrice un residente a Losson della Battaglia, a bordo di un'auto con targa slovacca,che a quel punto non ha potuto evitare lo scontro. La dinamica dell'incidente è al vaglio dei carabinieri.

SESSO AI GIARDINI PUBBLICI

Sorpresi a fare sesso, in pieno giorno, su una panchina all'interno dei giardini di via Imperiali a Vicenza, due 18enni sono stati denunciati dai carabinieri. Si tratta di un ragazzo colombiano, residente a Ponte nelle Alpi e di una nigeriana residente ad Annone Veneto in provincia di Venezia. I due erano impegnati nelle loro effusioni "hot" nonostante la presenza di molti passanti e anche di diversi bambini.


NOMADI DERUBANO FARMACIA: ARRESTATI E SUBITO SCARCERATI

Quattro nomadi, tra cui una ragazza e un minorenne, hanno saccheggiato la farmacia "Due Gigli" nella centralissima via Dante a Padova. Sono riusciti a rubare cosmetici per un valore di 350 euro. Ad accorgersi dei ladri una cliente della farmacia. La polizia, dopo poco, è riuscita a fermarli. Tre sono stati arrestati e il minorenne denunciato. Processati con il rito direttisimo sono stati condannati a otto mesi di reclusione pena sospesa e sono stati tutti rimessi in libertà.

DIVORZIO BREVE, IL PRIMO IN ITALIA È A BELLUNO

Divorzio breve, il primo in Italia è a Belluno. Pochi minuti dopo le 8, una coppia ha potuto divorziare, approfittando della legge 55 del 2015. I due si erano separati 14 mesi fa e ci hanno messo lo stretto necessario per arrivare al divorzio, grazie all'accordo di negoziazione assistita firmato davanti agli avvocati. E' bastato l'intervento del procuratore Francesco Saverio Pavone, per verificare che fossero tutelati i due figli minorenni, dopo di che la parola è passata all'ufficiale di stato civile del Comune. Non si passa più per il tribunale, come succedeva fino all'altro giorno e sono sufficienti sei mesi dalla separazione consensuale e non più tre anni come prima.

SCOPERTA TELECAMERA PER SPIARE GLI AMANTI NELLA ZONA DELL'INTERPORTO

Guardoni pronti a riprendere persone in atteggiamenti diciamo "particolari" o un investigatore privato che voleva riprendere qualcuno. Sono le due ipotesi più accreditate, dopo che una volante della polizia di Rovigo ha trovato una microcamera all'interno di una cabina elettrica in disuso nella zona dell'Interporto di Rovigo, in un luogo spesso utilizzato da chi vuole "appartarsi". L'intervento si era reso necessario dopo che un cittadino, lunedì scorso, aveva chiamato il 113, segnalando due persone in atteggiamenti sospetti. Immediato l'arrivo sul posto degli agenti, che hanno trovato la microcamera piazzata all'interno della cabina.

PONTE DI PIAVE: IL 5X1000 ALLE FAMIGLIE CON MINORI DISABILI

«Il 5x1000 al tuo Comune». E’ questo l'invito rivolto dall'amministrazione di Ponte di Piave ai propri cittadini, in vista della prossima dichiarazione dei redditi.«Intendiamo destinare i fondi che riceveremo adà rivolte a quelle famiglie che hanno minori (scuole dell'infanzia, primarie e secondarie) con certificate disabilità cognitive e motorie, così da assicurare interventi a supporto del diritto allo studio – spiega il sindaco, Paola Roma -. In aggiunta, vorremo dare supporto al "Gruppo Insieme Luciana e Mario” per il trasporto di soggetti con particolari disabilità.È bene ribadire che, anche se non si firma non si risparmia: l'invito vuole essere un’occasione per lasciare al proprio Comune maggiori risorse per sostenere le famiglie e tutelare le fasce deboli della cittadinanza» «Va inoltre ricordato che, per quanto riguarda il nostro Comune, la scelta è stata quella di mantenere invariate le aliquote Tasi e Imu - ha aggiunto la vice-sindaco Silvana Boer - . Inoltre, i cittadini sopra i 60 anni e gli stranieri residenti riceveranno a casa il bollettino Tasi già pre-compilato».

PADOVA, PRATO DELLA VALLE CHIUSO A PEDONI E VEICOLI

Il divieto di vendita di alcolici, "di qualsiasi gradazione", vale anche nelle vie adiacenti al Prato della Valle. Il divieto di circolazione pedonale e veicolare vale nell'isola Memmia, quello veicolare (esclusi residenti ed ambulanze) in tutta l'area di Prato della Valle. Il sindaco di Padova ha emanato un'ordinanza in cui vieta la vendita di bevande alcoliche e chiude il Prato della Valle a pedoni e veicoli dalle 19 di oggi mercoledì 27 alle 6 di giovedì 28 maggio, praticamente nella fascia oraria in cui si svolgerà il "Botellon", il megaraduno alcolico organizzato dai giovani. Il divieto di vendita di alcolici, "di qualsiasi gradazione", vale anche nelle vie adiacenti al Prato della Valle.

CASTEL SAN PIETRO, AL VIA I LAVORI PER LA FUNICOLARE

Con la cerimonia della «posa della prima pietra» sono iniziati in piazzetta Fontanelle Santo Stefano aVerona i lavori per la realizzazione della funicolare di Castel San Pietro. Presenti alla cerimonia il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, il direttore generale di Fondazione Cariverona Fausto Sinagra, l'assessore al Bilancio Pierluigi Paloschi, la presidente della 1ª circoscrizione Daniela Drudi, il vicario alla Cultura della Diocesi monsignor Giancarlo Grandis.. «Iniziano oggi i lavori di un'opera importantissima per Verona, che la città attendeva da molti anni -dice il vicesindaco- grazie a questo impianto di risalita, di altissimo livello progettuale e tecnologico, la riqualificazione complessiva di questa parte della città porterà un nuovo impulso al turismo e offrirà nuove opportunità ai veronesi per godere delle bellezze della loro città.

VAPORETTI, SEDILI SPOSTATI PER METTERE LE VALIGIE

Nuova disposizione dei sedili per metterci le valigie. Proteste in aumento per l'alto numero di turisti con bagagli sulle linee 1 e 2. Così Actv. l'azienda di trasporto veneziana, prova a farsi venire un'idea per migliorare la situazione: potrebbero presto cambiare i sedili all'interno dei vaporetti. Non più rivolti tutti nella stessa direzione, in file da tre posti. Ma tre a tre, uno di fronte al'altro, come succede nei treni. Nei vecchi tra un sedile e l'altro potranno trovare spazio le valigie, spesso molto ingombranti, che i viaggiatori lasciano spesso davanti alle porte e ai "barcarizzi" per l'entrata e l'uscita.



ASCOLTA IL NOTIZIARIO


Torna ai contenuti | Torna al menu