primainformazione

CERCA

Vai ai contenuti

MERCOLEDÌ 01-10-14

NOTIZIE

IN VIAGGIO CON 4,5 KG DROGA ARRESTATO

I carabinieri di Mestre hanno arrestato per droga, in flagranza di reato, un uomo originario della Sierra Leone che fungeva da corriere da Mestre alle piazze del Friuli. Nel corso dell'operazione i militari hanno sequestrato 4,5 chili di marijuana e 3mila euro in contanti che l'uomo aveva con sé. In manette è finito Moris Tijani, 34 anni residente in città dal 2009 e nulla facente, bloccato dai carabinieri mentre stava salendo su un pullman per recarsi a Udine.


RUBA GASOLIO E SI ADDORMENTA, ARRESTATO

Ha rubato 270 litri di gasolio, ma dopo il "colpo" si è addormentato all'interno dell'auto dove nascondeva la refurtiva. Un romeno 51enne è stato arrestato con l'accusa di furto aggravato in concorso dagli agenti delle Volanti di Verona. Hanno individuato l'uomo perlustrando le tracce di gasolio lasciate sulla strada dopo il furto, compiuto dai serbatoi dei camion parcheggiati nella rimessa di un'azienda di allestimenti.


OPERAIO TREVIGIANO MORTO, INDAGATO ANCHE IL PARROCO

Operaio morto nel cantiere della chiesa, tra gli indagati c’è anche il parroco. Il sacerdote è finito sotto la lente in qualità di committente dell’intervento, ma insieme a lui altri tre soggetti sono finiti sotto inchiesta. E per far piena luce sulle cause del decesso la procura ha disposto l’esame autoptico. Il medico legale interverrà per cercare di scoprire quale sia stata esattamente la causa della morte di Loris De Faveri, l’operaio 42enne di Farra di Soligo, che ha perso la vita mentre stava rifacendo il tetto della navata destra della chiesa di San Nicolò di Villa, frazione del comune di Mel nel bellunese. Al momento è stato aperto un fascicolo per omicidio colposo e sarebbero ben quattro i soggetti iscritti nel registro degli indagati. Si tratta del committente dei lavori, nella persona del parroco di Mel, il direttore dei lavori e i due responsabili delle ditte che erano impegnate per il rifacimento del tetto dell’edificio sacro.

DEPOSITO DI REFURTIVA SCOPERTO IN POLESINE

In un campo agricolo isolato sito in località Piantamelon di Adria, a seguito di una segnalazione di un agricoltore, i militari dell’Arma, aiutati per le relative operazioni di rinvenimento dalle foto-cellule dei Vigili del Fuoco di Rovigo, hanno individuato e sottoposto a sequestro penale all’incirca un centinaio di oggetti e strumenti da lavoro vari, probabilmente collocati da ignoti in tale zona quale deposito improvvisato, e sino a quel momento sicuro, di refurtiva. Si tratta di motozappe, saldatrici, lavatrici, tappeti, idropulitrici, decespugliatori, motoseghe, compressori, pneumatici, scatole di utensili, seghe, alcuni strumenti musicali, dei gruppi elettrogeni e materiale vario.

TIR CONTRO AUTO, CODE SUL PASSANTE A MOGLIANO

Paura lungo l’autostrada A27, all’altezza di Mogliano Veneto in direzione Venezia, per lo scontro tra un autoarticolato e un’auto. Per cause ancora in via d’accertamento da parte della Polstrada attorno alle 11 di ieri la Volkswagen Polo condotta da un cittadino Svizzero è entrata in collisione con un tir Iveco. Nell’urto laterale, probabilmente provocato da una sbandata o da un improvviso cambio di corsia di uno dei due mezzi, il paraurti del camion ha mandato in frantumi il vetro dell’auto dal lato del guidatore, subito trasportato in ospedale a Treviso. Le sue condizioni non destano alcuna preoccupazione da parte dei medici. Anche il conducente del tir è stato accompagnato in pronto soccorso per accertamenti. Per rimuovere i mezzi dalla carreggiata sono intervenuti anche i pompieri. Inevitabili i disagi al traffico.

INAGURATO NUOVO CAMPUS PER MEDICINA E BIOLOGIA DEL BO

Terzo taglio del nastro in due settimane per il Bo: il nuovo campus universitario di via del Pescarotto, firmato dall’architetto svizzero Mario Botta e inaugurato con una cerimonia a inviti, è pronto ad accogliere gli studenti di Medicina e Biologia, che cominceranno a frequentare aule e laboratori a partire da ottobre. La pianta semicircolare dell’edificio, rivestito prevalentemente in legno, ricorda quella del celebre Teatro anatomico del Bo; il nuovo polo didattico, che ospita circa 2.700 posti a sedere, è dotato (tra l’altro) di 1.400 apparati audiovisivi, 180 computer fissi, 48 videoproiettori per la trasmissione di lezioni e convegni in streaming, 45 schermi motorizzati e tre totem audiovisivi. «Portare a termine grandi opere è sempre più difficile, come dimostrano i casi dell’auditorium, del centro congressi e del policlinico – ha detto Giuseppe Zaccaria, rettore del Bo -. In questo contesto, il nostro Ateneo rivendica le promesse mantenute e gli obiettivi raggiunti con coerenza: senza l’università, Padova sarebbe più povera e triste, anche esteticamente».

VENEZIA: A MALAMOCCO CASSONE SOGLIA MOSE

Il cantiere di Malamocco è in piena attività per l'affondamento dell'ultimo cassone di soglia. E' l'ultimo cassone della schiera che finisce completamente sotto acqua e che chiuderà la barriera alla bocca di porto. Le altre schiere di cassoni - a Lido e Chioggia - sono già state completate. Con questa fase il Mose, realizzato dal Consorzio Venezia Nuova, concessionario del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, si avvia al completamento definitivo di tutte le schiere di cassoni.


ETERLOGA: IN VENETO PROCEDURE EROGAZIONE

E' partito in Veneto il cammino tecnico-scientifico che porterà all'avvio dell'erogazione della fecondazione eterologa, secondo le linee guida approvate dalla Conferenza dei presidenti delle Regioni. Il coordinatore scientifico della Regione, Carlo Foresta ha riunito i rappresentanti dei Centri pubblici e privati convenzionati in possesso delle necessarie autorizzazioni, per determinare alcuni importanti passaggi preliminari all'avvio dell'erogazione vera e propria della prestazione.

CATENA UMANA STUDENTI PER TRASLOCO LIBRI

Per trasferire alcune migliaia di libri scolastici dall'istituto alla biblioteca comunale di Casale sul Sile nel trevigiano, ci penseranno, giovedì prossimo, 150 ragazzi delle classi di prima e seconda media attraverso una "catena umana" fra i due stabili. L'iniziativa è stata voluta dall'amministrazione cittadina d'intesa con la scuola e permetterà, nell'arco di poche ore, l'esatta replica della catalogazione dei testi in uno spazio dedicato nel cuore della biblioteca pubblica.


IN 1.500 PER UN POSTO DA INFERMIERE

Si erano iscritti in 3.375, martedì mattina si sono presentati in 1.462 al padiglione 7 della Fiera di Vicenza. Sono i candidati per un posto di infermiere, bando pubblico firmato dall’Usl 6 di Vicenza. Tra di loro, moltissimi neolaureati proveniva dal Sud Italia. In particolare, ha destato attenzione un gruppo proveniente da Puglia e Basilicata, una cinquantina di ragazzi che hanno passato la notte in bus, pagato circa cinquanta o sessanta euro a testa per tentare la fortuna. Il bus della speranza organizzati alla caccia dei due posti di infermiere in Veneto (il prossimo 7 ottobre l’Usl 15 di Cittadella propone un bando, dove un posto sarà conteso da oltre tremila candidati) è stato al centro di polemiche politiche che non trovano soluzioni.

BANCA INTESA, LA FUSIONE DI CARIVE AVVIA LA RIVOLUZIONE IN FILIALE

Il primo passo sarà il 10 novembre. Giorno in cui scatterà la fusione di Cassa di risparmio di Venezia in Intesa Sanpaolo decisa a maggio, in contemporanea ad ulteriori cambiamenti operativi in 74 filiali venete. Entra nel vivo anche a Nordest il nuovo modello organizzativo della Banca dei territori, la divisione retail del colosso bancario italiano, annunciato la scorsa settimana dall’amministratore delegato Carlo Messina e che ruota intorno alla divisione in tre «territori commerciali» della gestione dei clienti. Cambiamento che parte da Venezia, visto che la fusione di Carive, la spa territoriale dedicata alla provincia.



ASCOLTA IL NOTIZIARIO



Torna ai contenuti | Torna al menu