primainformazione

CERCA

Vai ai contenuti

VENERDÌ

NOTIZIE

PRESUNTI ABUSI SESSUALI SU MINORI PAPÀ VA ALL'ASILO E PESTA UNA MAESTRA

Clima infuocato in una scuola statale per l'infanzia alle porte di Treviso. Un gruppo di mamme ha ritirato i figli dall'asilo perchè convinte che le maestre abbiano compiuto abusi sessuali sui loro bambini. Oltre a questo provvedimento è scattata anche una formale denuncia ai carabinieri che è già finita sui tavoli della Procura. Le mamme sono pronte a organizzare un sit-in davanti alla struttura scolastica. Le maestre però hanno risposto con una controdenuncia respingendo sdegnosamente tutte le accuse. La situazione è precipitata quando il papà di una delle presunte vittime ha deciso di farsi giustizia da solo entrando nell'asilo e pestando una delle insegnanti. Sul posto, ambulanze e carabinieri.

STOP 1 MESE NEGOZIO PREZZI DIFFERENZIATI

Il sindaco di Padova Massimo Bitonci ha imposto la chiusura per un mese alla parrucchiera nigeriana che alcuni giorni fa aveva esposto un doppio listino, con prezzi differenti, per "white" (bianchi) e "black" (neri). L'ordinanza firmata dal primo cittadino dispone la sospensione di un mese dell'attività perché "punto di ritrovo di persone moleste e dedite a traffici di ogni tipo".


DERUBANO PATRIMONI A INFERMO MENTALE

I carabinieri di Abano Terme hanno arrestato un uomo di 56 anni e una donna di 57, di Galzignano, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal tribunale Padova. Sono accusati di circonvenzione di incapace per aver convinto un 70enne di Battaglia Terme, in stato di temporanea infermità psichica a devolvere o consegnare a loro denaro. La stima è che la coppia sia riuscita a sottrarre al 70enne oltre 80 mila euro. La vittima era stata messa a vivere in un garage.

STALKING: ARRESTATO GIOVANE DA CC VERONA

I carabinieri di Verona hanno arrestato un giovane per aver reiteratamente perseguitato la sua ex, una 22enne anni di origini polacche. L'uomo, già condannato nel 2013 per stalking, ha continuato nel suo comportamento molesto e minaccioso inviando sms dal contenuto aggressivo e causando alla vittima una forte situazione di terrore, soprattutto quando ha tentato di entrare nella casa della donna e minacciandola di morte. L'intervento dell'Arma ha evitato che la situazione degenerasse.

SI RIFIUTÒ DI VISITARE UNA BAMBINA, A GIUDIZIO IL MEDICO


Si rifiutò per due volte di vistare una bambina senegalese di 18 mesi: pediatra della Uls 2 di Feltre, di 64 anni è stato rinviato a giudizio. L’interrogatorio che ha reso davanti al gip di Belluno pare non abbia convinto e si è reso necessario approfondire la vicenda davanti al collegio di giudici. A denunciare il responsabile del trattamento riservato alla figlia di appena 18 mesi ci aveva pensato M.N.A. un papà senegalese di Dakar, ma che risiede da parecchi anni nel Feltrino. Il medico deve rispondere di rifiuto di atti d’ufficio per essersi «reiteratamente e indebitamente» rifiutato di sottoporre a una visita medica una neonata di appena 18 mesi, che a seguito di una caduta, aveva riportato quella che successivamente - grazie alle lastre - è emersa esser una «frattura in regione metafisaria distale di radio e ulna»: insomma si era rotta l’avambraccio. Per due giorni la piccola ha pianto e per due volte i genitori l’hanno portata al pronto soccorso del Santa Maria del Prato, per due volte il pediatra non l’avrebbe visitata.

DA BASSANO A PARIGI PER I MONDIALI DELLA MATEMATICA

Andrà a Parigi alla competizione mondiale dei giochi matematici lo studente bassanese Andrea Battaglia. Considerato un piccolo genio dei numeri, frequenta la terza A della scuola media Bellavitis 2.0 della città del veneto. Nei giorni scorsi ha superato la fase nazionale della competizione classificandosi terzo su oltre 1.000 partecipanti. La sfida si è tenuta alla Bocconi di Milano dove l’aspirante “Archimede” era approdato dopo aver superato brillantemente la finale provinciale. Iscrittosi per il prossimo anno al liceo scientifico Da Ponte, Andrea, al rientro dal capoluogo lombardo è stato accolto dalla comunità della Bellavitis 2.0 con una grande festa. Non è la prima volta che un portacolori dell’istituto partecipa alla finale mondiale dei giochi matematici.

STUDENTI RODIGINI PRIMO PREMIO ALL’OLIMPIADE DELLA MECCANICA

Hanno superato brillantemente la prova assegnata, la progettazione di tecnologie di lavorazione di un componente meccanico, i ragazzi dell'Itis Viola di Rovigo che si sono così aggiudicati il primo premio all'olimpiade regionale della meccanica. Soddisfazione espressa da Franco Gallato, presidente della sezione metalmeccanici di Unindustria Rovigo, il quale ha dichiarato che questa vittoria dimostra come il Polesine non sia secondo a nessuno

JUVENTINO CHIOGGIOTTO A PIEDI PER VEDERE LA FINALE CHAMPIONS LEAGUE

La sua squadra del cuore gli ha regalato il biglietto per la finale di Champions League e lui è partito a piedi per Berlino, la città dove il 6 giugno si giocherà la partita. Nicolò De Marchi, un giovane tifoso di Chioggia, non ci ha pensato su un secondo: ha preparato lo zaino, è andato a comprare un paio di scarpe adatte, ha salutato tutti e si è messo in cammino. Una storia cominciata il 5 maggio, quando l’ufficio stampa della Juve sul proprio profilo twitter aveva lanciato l'hashtag #SeAndiamoInFinale. Una ricerca di idee divertenti tra i tifosi bianconeri a poche ore dall’andata della semifinale con il Real Madrid, del 6 maggio, poi vinta. In palio la società ha messo un biglietto per assistere a Juventus - Barcellona all’OlimpyaStadion di Berlino.

SI CORRE LA CORTINA-DOBBIACO RUN 2015

16° Edizione appuntamento domenica 31 maggio 2015 con la sedicesima edizione di 'Cortina-Dobbiaco Run'. La manifestazione sportiva partirà da Corso Italia. Lasciate le case di Cortina si inizierà a correre verso Cima Banche con i suggestivi passaggi all’interno delle vecchie gallerie ferroviarie. Le Tofane e la Croda Rossa si faranno ammirare alla sinistra degli atleti. Raggiunta la quota massima, 1530 metri del Passo, i concorrenti inizieranno a scendere verso Dobbiaco. Poco dopo il Lago di Landro, da dove si potranno ammirare le imponenti Tre Cime di Lavaredo. Continuando la discesa si troverà il lago di Dobbiaco a pochi chilometri dal traguardo. L’arrivo sarà all’interno del Parco del Grand Hotel.



ASCOLTA IL NOTIZIARIO


Torna ai contenuti | Torna al menu